Maometto. Basta con queste stupide provocazioni

Le nuove vignette su Maometto non difendono la libertà di stampa e satira ma alimentano i disegni incendiari dei salafiti.

globalist syndication

globalist syndication

Redazione 19 settembre 2012
Perché pubblicare proprio in questo momento nuove vignette su Maometto come ha deciso di fare il francese Charlie Hebdo? Non è in discussione la libertà di stampa e di satira, che vanno sempre difese, ma perché fornire nuovi elementi agli incendiari del mondo musulmano?

Ci sono opportunità e responsabilità scrivendo e disegnando che indicherebbero in questo momento di non entrare nel circolo vizioso che fa il gioco dei fondamentalisti, tutti.

Non è stato il film porno-spazzatura americano a scatenare i salafiti nei paesi musulmani, il film (uscito tempo fa e ora diffuso ad arte da una tv salafita) è stato un pretesto per incendiare quelle piazze che avevano vissuto una rivoluzione pacifica e laica. Quello che non sono riusciti a fare i soldi dell’Arabia saudita e del Qatar (al Jazeera compresa) lo stanno facendo le immagini di Maometto. I primi hanno fatto trionfare i fratelli musulmani alle elezioni, i secondi i salafiti e i jihadisti.

Chi soffia sul fuoco in questo momento non contribuisce alla libertà di stampa e di satira ma contribuisce a distruggere quel poco che resta delle rivoluzioni arabe e a lasciare questi paesi nelle mani degli islamisti sostenitori della sharia. Del resto i giornalisti e i caricaturisti di quei paesi (anche i tunisini hanno rappresentato Maometto) stanno pagando pesantemente la loro lotta per la libertà di espressione. Perché se vogliamo veramente affermare dei diritti che sono universali non sosteniamo i “rivoluzionari” che con manifestazioni non violente e senza bruciare bandiere americane sono riusciti ad abbattere dittatori?