Arabia saudita, libertà su due o quattro ruote

La prima regista saudita, Haifaa al Mansour, presenta la sua opera prima "La bicicletta verde", girata nel paese senza sale cinematografiche.

medici obiettori

medici obiettori

Redazione 27 novembre 2012
La violazione dei diritti delle donne non risparmia nemmeno le bambine in Arabia saudita. E così se alle donne è vietato guidare la macchina, alle bambine è proibita la bicicletta. Naturalmente è solo uno dei tanti divieti che relegano le donne in un sistema che si basa sull’apartheid di genere. Una discriminazione illustrata con grande sensibilità e delicatezza dalla prima regista saudita Haifaa al Mansour, che è riuscita a girare un film in un paese, il suo, dove non esistono le sale cinematografiche.

“La bicicletta verde” è il sogno di una ragazzina ribelle che vuole competere con un ragazzo della sua età e per farlo (raccogliere 800 rials per comprare la bici) riesce persino a imparare il corano a memoria per partecipare a un concorso, lo vince, ma il premio non le sarà consegnato perché alla fine rivela il suo obiettivo, incompatibile con il comportamento di una buona musulmana.
Un film che racconta il mondo delle donne saudite, con i maschi-maschilisti e codardi sullo sfondo.

“La bicicletta verde” è stato girato, dopo aver ottenuto tutti i permessi dalle autorità saudite, in gran parte con la regista a dirigere le riprese da dentro un camper. Il risultato è comunque ottimo. E rivelatore di un mondo inaccessibile.

Il film potrà essere visto solo dai sauditi che possono andare all’estero o che compreranno il Dvd. Del resto la stessa regista dice di essersi innamorata del cinema perché suo padre portava a casa, in un piccolo centro lontano dalle grandi città saudite, tanti Dvd.

Ci sono speranze perché le ragazze come Wajda, la protagonista del film, possano liberarsi da tanta oppressione e oscurantismo?

Haifaa al Mansour si dice convinta che le ragazze sono determinate a vivere la loro vita e non potranno più essere costrette a lungo a seguire delle regole drastiche e inaccettabili.

Il film, presentato alla mostra di Venezia e al Torino film festival, sostenuto da Amnesty international, sarà nelle sale dal 6 dicembre.